Image Alt

Il Museo

Chi siamo

Dopo la chiusura a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19, il Museo riapre domenica 13 settembre 2020, in sicurezza e nel rispetto delle norme anticontagio

Il Museo del Duomo e diocesano di Fidenza è stato inaugurato il 30 ottobre 1999, in occasione del Giubileo del 2000, per volontà di mons. Maurizio Galli, vescovo di Fidenza (1998 – 2007), per conservare le opere d’arte provenienti dal Duomo di Fidenza e dalle chiese del territorio della Diocesi.

Presidente: Mons. Ovidio Vezzoli – Vescovo di Fidenza
Direttore: Alessandra Mordacci
Amministrazione: Fondazione San Donnino
Accoglienza, custodia e accompagnamento: Volontari Amici del Museo

Sabato e Domenica: 9,30 - 12,00 / 15,00 - 18,00
Lunedì chiuso
Da Martedì a Venerdì solo su prenotazione per scuole e gruppi.

Prezzi

Intero: Euro 7
Riduzione adulti oltre i 65 anni e Comitive oltre le 15 persone: Euro 5,00
Scolaresche: Euro 2

La sede museale

Il Museo del Duomo di Fidenza, con entrata in Via Don Minzoni 10/A, è costituito da due parti collegate anche se autonome, una all’interno del Palazzo Vescovile con sale espositive che ospitano la Sezione Medievale e il Tesoro di San Donnino e l’altra all’interno della Cattedrale rappresentata dal Matroneo settentrionale.

All’ingresso del Museo vi è un piccolo spazio dove si possono avere informazioni, prenotare visite guidate di gruppi scolastici e comitive, sia al Museo che al Duomo, acquistare bibliografia specifica sui beni e la storia del territorio diocesano e gadgets della Via Francigena. Al piano superiore, nella saletta dei dipinti, è esposta una raccolta di quadri dal XVI al XIX secolo che sintetizza in qualche modo la storia delle devozioni nelle varie comunità parrocchiali della città e della diocesi, ed anche le committenze artistiche della zona.

Sono di notevole interesse, fra gli altri: l’Assunzione di Maria di Giulio Campi e l’Assunta con San Rocco e committente e la Deposizione di suo fratello Vincenzo, che rappresentano la rinomata scuola rinascimentale cremonese;

una Deposizione di Gesù e un Bacio di Giuda di scuola genovese del Seicento, l’ex-voto d’un Miracolo della Madonna del Carmine (1648), attestante la diffusione della devozione carmelitana nell’area fidentina;
l’effige settecentesca di Sant’Anselmo di Canterbury e la coeva Apparizione della Virgén del Pilàr a S. Giacomo e ai suoi discepoli, che testimoniano l’affermarsi in Borgo S. Donnino di devozioni nate lungo le vie di pellegrinaggio.

I servizi

La realizzazione del Museo è stata resa possibile dai finanziamenti stanziati dallo Stato per il Giubileo dell’anno 2000 e grazie a un contributo della Fondazione Monte di Parma, che ha permesso il restauro conservativo e funzionale del Matroneo nord della Cattedrale.

La sede museale è stata ricavata nell’ala est del Palazzo vescovile, adiacente la Cattedrale, con ingresso nei pressi della sua abside (via don Minzoni 10/a.), e si sviluppa su tre piani:
·  piano interrato:  impianti tecnologici, servizi igienici, laboratorio di restauro;
·  piano terreno:  ingresso, biglietteria/book shop, saletta audiovisivi, sala della Maestà mariana;

–  piano superiore: sale del Tesoro del Duomo e Quadreria.

Visita il museo

Via Don Minzoni, 10/A – 43036 Fidenza (Parma)

Telefono/Fax: 0524.514883
Mobile: 331.7468896

Associazione Musei Ecclesiastici italiani

Socio dell’Associazione AMEI - Associazione Musei Ecclesiastici italiani