il Museo
Visita al Museo
 
«torna indietro
ti trovi in:
Visita al Museo


Sale del Tesoro

Matroneo Nord
Matroneo Nord

Tornati nello spazio d'accoglienza, il visitatore può chiedere d'essere accompagnato al Matroneo nord. Vi si accede dall'interno del Duomo attraverso l'antica scala a chiocciola della “torre del Folletto”. In prossimità della seconda spira, attraverso una porta, è visibile l'ambiente decorato in stile neoclassico che fu, sino al 1944, la Cappella vescovile, dedicata al Sacro Cuore, costruita dal vescovo Alessandro Garimberti († 1813), del quale
si vede lo stemma sopra l'apertura tamponata della “tribuna” aperta un tempo verso l'altare del SS. Sacramento. Sino alla sua soppressione, conseguente alla ricostruzione dell'arcone del portale sinistro, chi visitava questa cappella nella festa del Sacro Cuore poteva lucrare l'indulgenza plenaria concessa da Pio VI quando passò a Fidenza nel 1799.
Al “matroneo” s'accede attraverso una porticina aperta nella controfacciata. Subito s'impone all'attenzione la sequenza degli archi, in parte a tutto sesto e in parte a ogiva.

Al centro della prima campata è collocato il Forziere medievale in cui il Capitolo di S. Donnino conservava le pergamene dei privilegi e delle proprietà della chiesa. Gli fanno da sfondo gli antichi capitelli e le colonnine di recupero della prima quadrifora. 

Proseguendo d'arcata in arcata è possibile apprezzare, collocati sopra supporti, alcuni dei

corredi lignei del Duomo: i Busti reliquiario (sec. XVII? utilizzati per la festa dei Santi; le serie di corredi d'altare (candelieri, croci e tabernacoli - XVII-XIX sec.); il Tronetto processionale barocco della Madonna del Carmine. Conclude questa sezione un Paliotto in legno (sec. XIX) fissato alla parete di fondo.  

Nei locali ricavati dalla chiusura delle arcate successive sono esposti: la cornice rinascimentale che copriva la Madonna della Neve, affrescata sul primo pilastro destro della Cattedrale, e la serie delle Decorazioni a fresco provenienti dall'Oratorio di S. Giorgio.

L'ultimo locale è occupato dal grande organo costruito nel 1910 dalla ditta Tamburini di Crema (CR), del quale sono visibili i vecchi mantici a movimento manuale.

 


Data di creazione: 13/04/2004
Data di modifica: 09/02/2005

© copyright: Fondazione Monte di Parma e Museo del Duomo di Fidenza - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
e-mail: museodelduomo@diocesifidenza.it

english version